Abbiamo infatti il piacere di invitarLa al nostro concerto del 9 luglio alle 21.00 nella chiesa di S. Maurizio al Monastero Maggiore (Corso Magenta 13, Milano). Il concerto è un omaggio ai 400 anni dalla nascita di Johann Jakob Froberger (1616-1667), ed è infatti intitolato "Musica del seicento italiano - maestri e allievi". Il programma prevede brani di Froberger, Frescobaldi, Giovanni Paolo Cima, Giulio Caccini, Claudio Monteverdi, Andrea Falconieri e altri.

La chiesa di S. Maurizio è conosciuta anche come “la Cappella Sistina di Milano” perché decorata internamente con un vasto ciclo di affreschi della scuola di Leonardo da Vinci. In occasione del concerto l'organista Luca Lavuri suonerà il famoso organo Antegnati della stessa chiesa, uno dei migliori d’Europa. Il 9 luglio potrete godere della bellezza della musica rara suonata dai nostri musicisti e della bellezza degli affreschi che ne saranno la degna cornice.

Soprano di coloratura: Ekaterina Korotkova,
Violino barocco: Neyza Copa,
Organo: Luca Lavuri.

Entrata € 10

Queso è il concerto finale del stagione primavera-estate 2016 della rassegna "Una Musica per l'Anima". E' organizzato dal gruppo "Musicisti RUSSI" con il Centro Culturale "Conca Fallata", in collaborazione con il Touring Club Italia e Consiglio di Zona 1 di Milano. Sponsor per l'informazione è il Circolo della Stampa di Milano .

Luca Lavuri (organo) si diploma con il massimo dei voti nel 2012 in organo con il maestro Giovanni Mazza e in pianoforte con la professoressa Limongelli presso il Conservatorio di Milano. Prosegue gli studi a Vienna, conseguendo il titolo di Master of Art in pianoforte (2012-2015) presso la Musik und Kunst Privat Universität Wien. Consegue inoltre il titolo di Magister ad Artium (2012-2016) in organo presso la Universität für Musik und darstellende Kunst sotto la guida del maestro Pier Damiano Peretti , esperto di musica antica. Lavuri svolge intensa attività concertistica in tutta l'Europa.

Neyza Copa (violino barocco) è una violinista boliviana che inizia il percorso di studi presso il Conservatorio Nazionale di La Paz e lo prosegue in Cile, Francia, Spagna, Stati Uniti e Italia. A 15 anni vince il primo premio al concorso violinistico ”Abril en Tarija” del suo Paese. Nel 2002 vince il concorso “Ampliación de estudios para jovenes latinoamericanos”, che le consente di ottenere il diploma di violino presso il Conservatorio Superiore di Musica di Aragona (Spagna). La sua attività concertistica include concerti presso l’Auditorium Nazionale di Madrid, il Konzerthaus di Vienna, il Berliner Philarmonie, il Muziekgebouw of Amsterdam, Forbidden City-China, Teatro Colón, Teatro Teresa Carreño, Palacio de Bellas Artes de Mexico, e altri ancora. Neyza è stata la prima violinista boliviana a suonare in importanti orchestre internazionali, quali peresempio l'Interlochen World Orchestra, la Joven Orquesta de la Comunidad de Madrid, JONDE Joven Orquesta Nacional de España, Youth Orchestra of the Américas and The World Orchestra of Jeunesses Musicales.

Ekaterina Korotkova (soprano di coloratura) appare sulle scene internazionali come soprano, musicista da camera e solista da recital con una costante crescita del repertorio. Come solista si è esibita in concerti in Europa, Nord America e Asia. Nata a Mosca, Ekaterina Korotkova ha cominciato la sua educazione musicale a sei anni. Dopo aver frequentato il Collegio di Musica e Teatro Galina Vishnevskaya ha proseguito gli studi presso il Collegio Musicale del Conservatorio Statale di Mosca. Nel novembre 2011 si trasferisce a Milano per iniziare gli studi di perfezionamento presso il Conservatorio Giuseppe Verdi. Nel 2014 ha vinto uno dei pochi posti disponibili presso l'Accademia Rossini di Pesaro per potervi conseguire il master. Nello stesso anno ha partecipato allo spettacolo dell'Accademia Lunenbur, in Canada. A Milano ha proseguito gli studi con il maestro Marina Giorgio e ha lavorato con Deda Cristina Colonna, con lo specialista per la musica vocale barocca Nicholas Isherwood, con Isabelle Germain del Conservatorio Nazionale Superiore di Lione e con il vocal coach e cantante austriaco Christa Ratzenböck. Oltre a molti capolavori di epoca rinascimentale, barocca e del periodo romantico, il repertorio di Ekaterina comprende anche capolavori della musica sacra.






Abbiamo il piacere di Invitarvi al concerto delle ore16.00 del 15 maggio (domenica) nella chiesa di S. Antonio Abate. La chiesa di S. Antonio Abate è famosa perché secoli fa vi si curava la malattia del "fuoco sacro", oggi chiamata non a caso "fuoco di S. Antonio". Dotata anch'essa di un ottimo organo a canne, noto come Opus 106 e costruito nel 1865, la chiesa presenta splendidi affresci e bassorilievi, che arricchiscono in particolare le sue quattro cappelle: dell'Annunciata, detta anche cappella Acerbi, di S. Gaetano, dell'Ascensione e dell'Immacolata. Anche la chiesa di S. Antonio Abate sarà dunque una bella cornice per la musica suonata dai nostri artisti.

La musica espressione di un'anima che sente la bellezza della natura, gli affetti terreni e l'amore per Dio
Musiche di Scarlatti, Haendel, Locatelli, Vivaldi e Mozart
Soprano: Mariachiara Cavinato,
Violino barocco: Aki Takahashi,
Organo: Marimo Toyoda.
ENTRATA GRATUITA




Il pianista Andrés Jesús Gallucci e il mezzosoprano Katerina Adamova Mazze vi invitano per sabato 21 maggio alle 16.30 al Circolo Filologico di Milano (via Clerici 10) per il loro concerto di pianoforte e canto lirico.
Musiche di Verdi, Bizet, Saint-Saëns, Rossini, Ciaikovskij e altri. Il concerto durerà un’ora.
Il Circolo Filologico è la più antica associazione culturale di Milano. Ha sede in un bel palazzo Liberty nel centro storico di Milano, tra la Galleria Vittorio Emanuele e le piazze della Scala, Cordusio e Duomo. Dal 1872 diffonde la conoscenza di culture, lingue e civiltà straniere con corsi di lingue, concerti, eventi, mostre, conferenze, presentazioni. Conserva inoltre una biblioteca con oltre 100 mila volumi, alcuni rarissimi o unici. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti da tutto il mondo. A Milano ci sono ben 65 vie che portano il nome di suoi soci.
Il concerto è a cura del gruppo "Musicisti RUSSI" e del centro culturale Conca Fallata, in collaborazione con Consiglio di Zona 1.




Concerto di musica pianistica russa al Circolo della Stampa Milano
sabato 30 aprile, alle ore 19.00, al Circolo della Stampa di Milano, in corso Venezia 48, si terra' il concerto dei Musicisti Russi, dal titolo "Una Musica per l'Anima".
Allieteranno la serata Nikita Galaktionov (giovane talento pianistico russo) ad Arkady Sevidov (professore del Conservatorio di Mosca).
L'ingresso e' riservato ai possessori di tessera associativa e suoi accompagnatori.

e il giorno successivo,
domenica 1 maggio alle ore 18:00,
al Conservatorio, sala Puccini, si terra' il concerto dei Musicisti Russi, dalla rassegna "Una Musica per l'Anima"
di musica pianistica di grandi compositori RUSSI
con brani di
Anton Rubinshteyn, Ciaikovskij, Skryabin, Rachmaninov.
Al pianoforte Nikita Galaktionov (eccezionale giovane talento) e il suo Maestro
Arkady Sevidov (professore del Conservatorio di Mosca);
ospite speciale il soprano georgiano che cantera' arie dalle opere italiane.

IL PROGRAMMA E l’ELENCO degli ARTISTI POTREBBERO SUBIRE VARIAZIONI

biglietti euro 30, 20, 10

prevendita - http://www.vivaticket.it/index.php?nvpg[evento]&id_show=83004

per prenotazione posti: cell. 331 5825334
musicistirussi@gmail.com https://www.musicistirussi.it
fb: rassegna Una Musica per l’Anima
https://www.instagram.com/musicisti_russi/
https://twitter.com/MusicistiRussi
il programma:

Anton Rubinshteyn
1. Capriccio re-moll
2. Romanzo E-flat major
3. Valzer E-flat major
4. Melodia F major

Petr Ciaikovski
5. Quatro staggione, Ottobre "La Canzone del Autunno"
6. Quatro staggione, Aprile "Bucaneve"
Aleksander Skryabin
7. Preludio op.11 #9 in E major,
8. Etudes op.8 #2 fis-moll

Serghey Rachmaninov
9. Il momento musicale h-moll #3
10. Etudes-Tableaux op 39 "Campane" D-dur
11. Etudes-Tableaux op 39 #5 E-flat minore
12. Eleghia

soprano con il pianoforte (solo in concerto di 1 maggio in Conservatorio):
Dvorak, Rusalka - "mesichku na nebi hlubokem",
Delibes - "le Filles de Cadix"
Puccini, Gianni Schicchi - "o Mio babbino caro",
Arditi "il Bacio





Domenica, 17 aprile, ore 16.00, nella chiesa di Santa Maria dei Miracoli presso San Celso, Corso Italia 39, si terrà un concerto UNICO di
musica barocca con il CLAVICEMBALO e violino barocco.
Canterà il soprano Katerina Korotkova, Aki Takahashi (violino barocco), Marimo Toyoda (clavicembalo).
Musiche di G.F. Haendel (cantata “Dietro l'orme fugaci” dall'Armida abbandonata, HWV 105);
Antonio Vivaldi (“Domine Deus” da Gloria, concerto VI delle Stravaganze “Anne Dawson's Book”, 1715ca Allegro-Largo-Allegro);
N.Matteis (Fantasia per violino solo "passaggio rotto, andamento veloce"); G.P. Cima (sonata a due, violino e violone basso, dai concerti ecclesiastici).




Invito per la conferenza stampa di presentazione della seconda stagione di Una Musica per l'Anima, del gruppo di Musicisti Russi: ore 11 del 10 marzo presso il Circolo della Stampa di Milano (corso Venezia 48).

I 13 concerti di musica classica del programma "Una musica per l’anima”, tenuti dal gruppo Musicisti Russi nell'autunno 2015 anche al Circolo della Stampa di Milano, hanno avuto un tale successo che quest'anno si replica con qualche novità: per esempio, con l’aggiunta di nuovi artisti - giapponesi, ucraini, georgiani e italiani - e di luoghi dove questi si esibiranno, come il Conservatorio, il Circolo Filologico Milanese e la Chiesa San Maurizio, dotata del preziosissimo organo Antegnati che tutti gli organisti non solo di Milano sognano di poter suonare.

A partire dalla primavera ormai prossima i concerti saranno 15, sempre con il patrocinio della Zona 5 e del circolo culturale Conca Fallata, anche con quello della Zona 1. Per alcuni ci sarà la collaborazione del Touring Club e del Circolo Filologico, mentre il Circolo della Stampa è lo sponsor per l’informazione, si farà infatti carico di far conoscere e diffondere tutto il programma del 2016 provvedendo ai locali e diramando gli inviti per la conferenza stampa fissata per le ore 11 del 10 marzo nella sua prestigiosa sede di Corso Venezia 48.

L'edizione 2016 coinvolgerà 16 musicisti (età media 25 anni), che studiano e lavorano a Milano e sono già conosciuti a livello internazionale, come per esempio il soprano russo Ekaterina Korotkova, il tenore ucraino Vitaliy Kovalchuk, l'organista giapponese Marimo Toyoda e la violinista giapponese Aki Takahashi. L'obiettivo è sempre lo stesso: far conoscere al pubblico questi giovani talenti, cresciuti nella notevole tradizione musicale russa e perfezionati nella famosa tradizione italiana del “bel canto” e dell’ottima musica. Giovani, ma già vincitori di numerosi concorsi internazionali e premi italiani. Giovani, ma già apprezzati come solisti in orchestre di tutto il mondo: dal Giappone all’Europa, dalla Corea al Canada, dalla Russia all’Italia e agli Stati Uniti.

Ad aprile nel corso di una tournée in Europa debutterà a Milano un genio del pianoforte: il 20enne Nikita Galaktionov: invitato a suonare alla Carnegie Hall di New York lo scorso dicembre 2015 e al Cremlino per il concerto di Natale con l’orchestra nazionale russa.

L’edizione del 2016 si apre 12 marzo alle 21:00 con il concerto nella chiesa di Santa Maria Annunciata in Chiesa Rossa, impreziosita dall’illuminazione progettata da Dan Flavin. Il mezzosoprano Katerina Adamova Mazzei canterà le arie dalla Passione di Bach. L’organista Marimo Toyoda suonerà brani di Bach. E la violinista giapponese Aki Takahashi eseguirà la Sonata di Biber.

Il gruppo Musicisti Russi è nato lo scorso ottobre da un'idea di quattro artisti venuti a perfezionarsi nel Conservatorio di Milano. L’esperienza dei 13 concerti dello scorso autunno ha portato alla formazione di tre gruppi di musicisti, ognuno specializzato in un settore:

- il Trio Barocco, formato dal soprano di coloratura Ekaterina Korotkova, Marimo Toyoda (organo e clavicembalo), Aki Takahashi (violino e violino barocco);
- il Trio di Canto Lirico, formato da Vitaliy Kovalchuk (tenore), Irina Belousova (soprano) e Sofiya Chaykina (pianoforte);
- il Quartetto d’Archi, noto come "Decus String Quartet", formato da Maria Grokhotova (violino), Elisa Scanziani (violino), Ewa Janina Moszczynska (viola), Rustem Smagulov (violoncello e fondatore del gruppo).

Arrivederci dunque il 10 marzo alla conferenza stampa con inizio alle 11 nella sede del Circolo della Stampa in corso Venezia 48.

Tutti dettagli e il programma definitivo sono sul sito https://www.musicistirussi.it